Comportamento e aggressività tra i gatti

comportamento e aggressività gatti

Per prima cosa, se i gatti di casa si azzuffano, NON lasciate che il combattimento continui.

Dato il forte istinto territoriale dei gatti, e  l’incapacità di mantenere a lungo le gerarchie di dominanza stabilite, questi confronti non potranno risolvere le cose una volta per tutte, come avviene per i cani. Più ricorrenti saranno le zuffe, maggiori saranno le possibilità di precludere una futura convivenza pacifica. Per interrompere un combattimento in corso, fate un rumore forte e improvviso (ad es. soffiate in un fischietto o battete il pugno su un mobile), schizzate i contendenti con una pistola ad acqua, o tirategli contro qualcosa di soffice, come ad es. un cuscino. Non cercate di separarli mettendovi in mezzo!
Mentre lavorate per stabilire un’accettabile convivenza, impedite qualsiasi occasione di zuffa futura. Se fosse necessario, mantenete i gatti in camere separate quando rimangono senza sorveglianza, e prevenite il contatto stretto in situazioni nelle quali in precedenza si sono verificati episodi di intolleranza (particolarmente riguardo lettiere, ciotole del cibo e dell’acqua etc.). NON cercate di punire nessuno dei gatti coinvolti. Le punizioni difficilmente hanno positive conseguenze, mentre è del tutto verosimile che sollevino ulteriori stress e paure che inaspriranno enormemente la situazione. I proprietari che ricorrano alle punizioni inoltre potrebbero a loro volta diventare oggetto di aggressività per difesa e/o reindirizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono marcati con l'asterisco.