Gli occhi del gatto

occhi dei gatti

I gatti al buio completo non vedono meglio dell’uomo, ma in condizioni di luce debolissima sono in grado di sfruttare anche il minimo raggio luminoso; cornea, pupilla e cristallino sono più sviluppati che nell’uomo, così la retina – che invece non è (in proporzione) più ampia – può ricevere molta più luce. Poiché il globo oculare ha forma più rotonda e accorciata rispetto a quello dell’uomo, l’angolo visivo diventa assai più ampio.
La visone del gatto è di tipo binoculare, cioè il campo visivo di un occhio si sovrappone a quello dell’altro in maniera parziale. In tal modo si ottiene un’immagine tridimensionale, essenziale per un animale cacciatore, che riesce a valutare così le distanze che lo separano dalla preda su cui vuole avventarsi. Per molti anni si è ritenuto che i gatti non fossero in grado di percepire i colori, ma vedessero in bianco e nero. I più recenti studi hanno potuto dimostrare il contrario, sebbene non sia ancora del tutto chiaro quali colori realmente percepiscono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono marcati con l'asterisco.